Attività del Partito della Rifondazione Comunista Circolo "Raniero Amarugi" di Santa Fiora Visita la nostra pagina Facebook


Acqua:


Il Parlamento europeo ha fatto propria la proposta dei movimenti per l’acqua

Clicca Qui per ricevere Rosso di Sera per e-mail


Ogni mese riceverai Rosso di Sera per posta elettronica, niente carta, niente inchiostro.... Se vuoi inviare le tue riflessioni, suggerimenti, o quanto ritieni utile, a Rifondazione di Santa Fiora,usa questo stesso indirizzo info@rifondazionesantafiora.it

Direzione Nazionale

FACEBOOK SI TOSCANA A SINISTRA

Il coro dei Minatori di Santa Fiora Sito ufficiale

Italia - Cuba

Museo delle Miniere


Santa Fiora: la Piazza e la Peschiera online

Rifondazione su Facebook

STOP TTIP


"Campagna Stop TTIP"

Tu sei qui

IL GOVERNO DRAGONI E IL PAESE IN BOLLETTA

POLITICA NAZIONALE |  POLITICA ITALIANA

 

30/09/2022

da usb

 

Contro il carovita lunedì 3 ottobre mobilitazione di USB nelle piazze italiane 

 

Non si è ancora insediata e già ha spiegato che scherzava. Giorgia Meloni sta andando disciplinatamente ogni giorno a lezione dal professor Draghi. Da quel governo che ha sempre contestato, assicurandosi la vittoria nelle elezioni, adesso vuole apprendere tutti i segreti del buon governo.

 

Buttate alle ortiche le presunte differenze sbandierate per catturare voti, ecco resuscitare il filoatlantismo, la cautela economica, il rifiuto dello scostamento di bilancio che potrebbe dare un po' di fiato all'economia, la condanna della scelta della Germania di fare da sé, dimenticando che da sempre la sua parte ha rappresentato la parodia nostrana del nazionalismo e del sovranismo.

 

Per contrastare l'iperbolico aumento del 60% delle bollette dell'energia annunciato da domani, 1° ottobre, si affida all'Unione Europea senza immaginare nessun intervento contro la speculazione che ha prodotto la corsa del prezzo del gas e il contemporaneo, parallelo affermarsi sul mercato del gas USA che si avvantaggia come nessun altro del “misterioso” attentato al gasdotto che portava la preziosa materia prima russa in Europa.

 

Sempre il signor Dragoni sta elaborando la manovra finanziaria per il prossimo anno, confermando così, nonostante l'impetuoso cambio di cavallo, che non vi saranno sostanziali modifiche all'impianto mercatista subordinato alle scelte dell'Unione Europea sulla gestione della crisi economica e della guerra che continua a drenare enormi risorse pubbliche per sostenere militarmente l’Ucraina.

 

Intanto si avvicina pericolosamente il momento del fallimento economico delle famiglie e delle imprese italiane e non si vede all’orizzonte un cambio di rotta sulla fiducia illimitata nelle virtù taumaturgiche del mercato e della finanza.

 

Come al solito bisogna fare da soli, e allora cominciamo con il riempire le piazze il 3 ottobre nella Giornata internazionale di lotta alla crisi e al carovita. Saremo in tutta Italia davanti alle maggiori aziende dell'energia e alle sedi dei loro maggiori azionisti, a partire da Cassa Depositi e Prestiti, che in questa crisi si stanno arricchendo come mai prima.

 

Contemporaneamente presenteremo alla Procura di Roma una denuncia contro tutte le condotte poste in essere dalle società che commerciano gas, energia elettrica e prodotti petroliferi ai danni della collettività, speculando sulle differenze tra quanto hanno pagato le materie prime e il prezzo al quale ce le stanno rivendendo.