Attività del Partito della Rifondazione Comunista Circolo "Raniero Amarugi" di Santa Fiora Visita la nostra pagina Facebook


Acqua:


Il Parlamento europeo ha fatto propria la proposta dei movimenti per l’acqua

Clicca Qui per ricevere Rosso di Sera per e-mail


Ogni mese riceverai Rosso di Sera per posta elettronica, niente carta, niente inchiostro.... Se vuoi inviare le tue riflessioni, suggerimenti, o quanto ritieni utile, a Rifondazione di Santa Fiora,usa questo stesso indirizzo info@rifondazionesantafiora.it

Direzione Nazionale

FACEBOOK SI TOSCANA A SINISTRA

Il coro dei Minatori di Santa Fiora Sito ufficiale

Italia - Cuba

Museo delle Miniere


Santa Fiora: la Piazza e la Peschiera online

Rifondazione su Facebook

STOP TTIP


"Campagna Stop TTIP"

Tu sei qui

LULA HA VINTO LE PRESIDENZIALI IN BRASILE

POLITICA ESTERA  

 

31/10/2022

da Contropiano

 

Lula ha vinto le presidenziali in Brasile

 Luiz Ignacio Lula da Silva è di nuovo presidente del Brasile, e questo è l’importante. Dodici anni dopo la conclusione del suo secondo mandato, l’ex sindacalista e leader della sinistra ha sconfitto il presidente uscente Jair Bolsonaro.

 

Secondo la commissione elettorale, Lula ha ottenuto il 50,9% delle preferenze, contro il 49,1 di Bolsonaro. Quasi due milioni di voti di differenza.

 

Non era affatto scontato, perché il fascista che ha perso aveva mobilitato la polizia per impedire, nei limiti del possibile, agli elettori di Lula di andare a votare nelle zone dove il leader del Pt era dato in forte vantaggio, in particolare nel Nordest.

 

Centinaia di blocchi stradali messi in atto dalla polizia autostradale, che hanno ritardato di ore o fisicamente impedito di esprimere il voto. Ma per il presidente della Commissione elettorale, probabilmente anche lui ormai !uscente”, “tutto è stato regolare“.

 

Hanno cercato di seppellirmi vivo, ma sono risorto. Sono qui per governare il paese in un momento difficile, ma riusciremo a trovare risposte – ha dichiarato a caldo Lula – il nostro impegno più urgente è porre fine alla fame“.

 

Poi segna ancora la sua abissale  differenza con Bolsonaro. Il Brasile è un paese “pronto a riprendere il suo posto nel combattere la crisi climatica, specie in Amazonia. Il pianeta ha bisogno di una Amazonia viva“.

 

Ritorneremo su questo risultato, che cambia in modo consistente la geografia politica dell’America Latina, riducendo al minimo il numero e l’importanza dei regimi filo-Usa. Ma per il momento c’è da festeggiare.