Acqua:


Il Parlamento europeo ha fatto propria la proposta dei movimenti per l’acqua

Clicca Qui per ricevere Rosso di Sera per e-mail


Ogni mese riceverai Rosso di Sera per posta elettronica, niente carta, niente inchiostro.... Se vuoi inviare le tue riflessioni, suggerimenti, o quanto ritieni utile, a Rifondazione di Santa Fiora,usa questo stesso indirizzo info@rifondazionesantafiora.it

Direzione Nazionale

FACEBOOK SI TOSCANA A SINISTRA

Il coro dei Minatori di Santa Fiora Sito ufficiale

Italia - Cuba

Museo delle Miniere


Santa Fiora: la Piazza e la Peschiera online

Rifondazione su Facebook

STOP TTIP


"Campagna Stop TTIP"

Tu sei qui

POVERI USATI COME BANCOMAT PER PAGARE LE PROMESSE ELETTORALI

POLITICA NAZIONALE | POLITICA ITALIANA

 

18/12/2022

da il Manifesto

Roberto Ciccarelli

 

IL CASO. Annunci di altri tagli al «reddito di cittadinanza», salta il fondo affitti e morosità incolpevole, ora si spera in un maxiemendamento. E Giorgetti parla di una «riforma dell’assistenza» in arrivo con la stretta al sussidio

 

Un mese di «reddito di cittadinanza» in meno a 660 mila «occupabili» che hanno firmato un «patto per il lavoro» nei centri per l’impiego, con un risparmio di circa 200 milioni di euro forse utili per finanziare l’aumento delle pensioni minime. Se così fosse il sussidio terminerebbe a luglio, e non ad agosto 2023, diversamente da quanto annunciato dal governo.

 

Bisognerà però aspettare le carte e non inseguire le voci sugli emendamenti. Senza contare che ieri, durante la giornata conclusiva del decennale dalla fondazione di Fratelli d’Italia, sono stati fatti altri annunci. Il ministro dell’economia Giancarlo Giorgetti si è sostituito alla collega al lavoro Marina Calderone e ha detto che quest’ultima starebbe già lavorando alla «riforma dell’assistenza insieme alle «modifiche in senso restrittivo del reddito di cittadinanza». Giorgetti ha aggiunto elementi utili per spiegare che cosa ha in mente la destra leghista e postfascista quando parla degli «occupabili». «Nel Pnrr sono previsti 4 miliardi per la ri-formazione dei lavoratori». Sì, ha detto proprio «ri-formazione». E poi ha fatto un esempio tratto dal settore dell’automotive dove «nel giro di pochi anni» è stato necessario «addestrare» i lavoratori a operare sui nuovi motori non più «endotermici».

 

In queste parole c’è una tragica confusione, o strabismo, sugli «occupabili». In maggioranza queste persone non lavorano da anni e non hanno saperi paragonabili a un operaio in cassa integrazione o disoccupato. E se li hanno, possono applicarli lavorando nel settore dei servizi poveri, ben lontani dalla manifattura. Potrebbero anche vivere a centinaia di chilometri da imprese che non cercano manodopera inoccupata. A meno che non sia possibile costringere queste persone a trasferirsi in cambio di salari da fame. Sempre che le imprese li vogliano. In questa fantasia sono caduti i Cinque Stelle che, nel 2018-9, hanno scritto la legge sul «reddito» insieme alla Lega. I novelli teorici del Workfare coltivano gli stessi incubi.

 

Alla guerra tra poveri (togliere il «reddito» e pagare le pensioni minime) potrebbe aggiungersi un altro attacco. Il fondo sociale per il contributo agli affitti e per la morosità incolpevole è stato cancellato.

 

Gli emendamenti che li rifinanziavano, presentati da Verdi-Sinistra Italiana e dal Pd, sono stati bocciati dalla commissione Bilancio. I soggetti destinatari di queste misure sociali possono certamente non essere gli stessi. Ma ipotizziamo che lo siano: chi lavora precariamente, o chi cerca un lavoro, potrebbe perdere sia il «reddito» che la casa a seguito di uno sfratto provocato anche dal fatto che il governo ha cancellato il sostegno utile per contribuire all’affitto. L’Unione degli inquilini ieri ha parlato di rischio di «pandemia sociale». Sono 150 mila gli sfratti esecutivi, il 90% dovuti a morosità incolpevole, cioè alla mancanza di reddito e salario. Ora si spera in un maxiemendamento del governo per ovviare a una «scelta folle».