Acqua:


Il Parlamento europeo ha fatto propria la proposta dei movimenti per l’acqua

Clicca Qui per ricevere Rosso di Sera per e-mail


Ogni mese riceverai Rosso di Sera per posta elettronica, niente carta, niente inchiostro.... Se vuoi inviare le tue riflessioni, suggerimenti, o quanto ritieni utile, a Rifondazione di Santa Fiora,usa questo stesso indirizzo info@rifondazionesantafiora.it

Direzione Nazionale

FACEBOOK SI TOSCANA A SINISTRA

Il coro dei Minatori di Santa Fiora Sito ufficiale

Italia - Cuba

Museo delle Miniere


Santa Fiora: la Piazza e la Peschiera online

Rifondazione su Facebook

STOP TTIP


"Campagna Stop TTIP"

Tu sei qui

LA NAVE DI EMERGENCY SBARCA 142 PERSONE A LIVORNO

POLITICA NAZIONALE | POLITICA ITALIANA

 

22/12/2022

da Il Fatto Quotidiano

 

 Esposti striscioni di benvenuto: “Qui nessuno è straniero da oltre 400 anni”

 

I migranti sono destinati a Liguria, Marche, Molise e Abruzzo. I minori resteranno in Toscana e in particolare nella città portuale. Il sindaco: "Colpito dal rapporto umano bellissimo tra chi è stato salvato e i volontari dell'ong"

 

La nave “Life support” di Emergency ha attraccato nel porto di Livorno. A bordo della nave 142 persone, tra cui anche una donna incinta e molti minori non accompagnati: “Sono persone che scappano da violenze, devastazioni e luoghi di guerra, siamo felici che finalmente tocchino terra”, ha detto Rossella Miccio, presidente di Emergency. Durante le operazioni di sbarco sono intervenuti mediatori linguistici e culturali della prefettura e uno psicologo, oltre ai medici della Sanità Marittima. I migranti saranno sottoposti al tampone e ad una prima analisi medica. Tra i primi a scendere dalla nave un giovane 25enne con la febbre che è stato ricoverato in ospedale. Alcuni striscioni di benvenuto per i migranti sono stati esposti o appesi in diversi punti nell’area portuale. Sono tutti riconducibili all’area politica della sinistra radicale. Intorno alle 5 alcuni militanti di Potere al popolo davanti al monumento dei 4 Mori, simbolo della città, situato davanti al porto vecchio, hanno esposto lo striscione con la scritta “Livorno solidale e antirazzista“. Un altro striscione invece campeggia a due passi dal molo 75, la banchina assegnata per l’attracco della nave con la scritta “Dal 1591 qui nessuno è straniero“. Il riferimento è alle leggi livornine del granduca di Toscana, Ferdinando I, fatte per richiamare a Livorno popolazione attiva in grado di favorire lo sviluppo economico della città e dell’economia marittima del Granducato (“mercanti di qualsivoglia Nazione” era per l’appunto la dicitura usata nel testo delle leggi).

 

Da quanto si apprende, sulla nave ci sarebbero almeno 30 casi di scabbia: “Adesso affrontiamo la fase più delicata – ha spiegato il sindaco di Livorno Luca Salvetti – Il check sanitario è in corso. Comandante della nave e Emergency lavorano incessantemente per trasmettere serenità a chi è a bordo. I migranti sono stati divisi in gruppi e scenderanno nove alla volta, prima i bambini e le donne. Il percorso è il seguente: riconoscimento, generalità, check sanitario e poi assistenza con cibo e abiti”. Il sindaco ha sottolineato che sono “cambiate le destinazioni per lo smistamento” delle persone e più precisamente MarcheMolise e Abruzzo al posto di Lombardia e Emilia Romagna (rimane la Liguria). Il primo cittadino di Livorno è intervenuto anche sull’accoglienza dei minori: “I circa 30 minori non accompagnati rimarranno in Toscana: il Comune si farà carico di nove ragazzini, abbiamo già individuato strutture specializzate. Impegno maggiore perché la priorità è farli entrare in un percorso protetto“. Salvetti spiega di essere “rimasto colpito dal rapporto umano bellissimo tra migranti e volontari di Emergency. Non potendosi abbracciare al saluto prima di scendere si sono spesi in parole di ringraziamento per aver salvato loro la vita“.