Acqua:


Il Parlamento europeo ha fatto propria la proposta dei movimenti per l’acqua

Clicca Qui per ricevere Rosso di Sera per e-mail


Ogni mese riceverai Rosso di Sera per posta elettronica, niente carta, niente inchiostro.... Se vuoi inviare le tue riflessioni, suggerimenti, o quanto ritieni utile, a Rifondazione di Santa Fiora,usa questo stesso indirizzo info@rifondazionesantafiora.it

Direzione Nazionale

FACEBOOK SI TOSCANA A SINISTRA

Il coro dei Minatori di Santa Fiora Sito ufficiale

Italia - Cuba

Museo delle Miniere


Santa Fiora: la Piazza e la Peschiera online

Rifondazione su Facebook

STOP TTIP


"Campagna Stop TTIP"

Tu sei qui

ISRAELE IL MINISTRO BEN-GVIR DA' ORDINE DI RIMUOVERE LE BANDIERE PALESTINESI : SONO SIMBOLO DI TERRORISMO

POLITICA ESTERA 

 

09/01/2023

da Il Fatto Quotidiano

 

Israele, il ministro Ben-Gvir provoca di nuovo i palestinesi: “Ho dato ordine di rimuovere le loro bandiere. Sono simbolo del terrorismo”

 

Le cose, però, stanno diversamente da come racconta il ministro. Un tempo Israele considerava la bandiera palestinese come quella di un gruppo militante vicino a Hamas o Hezbollah. Dopo la firma degli accordi di Oslo del 1993, però, la bandiera rossa, verde e bianca è stata riconosciuta come quella dell’Autorità nazionale palestinese, creata per amministrare Gaza e parti della Cisgiordania occupata

 

Il nuovo ministro israeliano per la Sicurezza Nazionale, Itamar Ben-Gvir, non molla il pressing sulla popolazione palestinese e, dopo la provocatoria ‘passeggiata’ sulla Spianata delle Moschee, ha deciso di vietare l’esibizione in pubblico delle bandiere palestinesi definendole un “simbolo del terrorismo”.

 

Il leader di Otzma Yehudit, a dieci giorni dall’entrata in carica del nuovo esecutivo guidato da Benjamin Netanyahu, si è subito messo alla testa dell’ala più intransigente, conservatrice e anti-palestinese di uno dei governi più a destra della storia israeliana. E la decisione di rendere illegale l’esposizione della bandiera palestinese è solo l’ultimo atto a conferma di una linea che, nei giorni scorsi, ha messo in imbarazzo anche il primo ministro stesso, costretto ad annullare la sua visita in programma negli Emirati Arabi dopo il ‘blitz’ del suo ministro davanti alla moschea di al-Aqsa.

 

Ben-Gvir ha infatti ordinato alla polizia di rimuovere tutte le bandiere palestinesi, ritenendole una minaccia all’ordine pubblico. “Oggi ho ordinato alla polizia israeliana di far rispettare il divieto di esibire qualsiasi bandiera dell’Organizzazione per la liberazione della Palestina che dimostri l’identificazione con un’organizzazione terroristica dagli spazi pubblici e di mettere fine a qualsiasi incitamento contro lo Stato di Israele – ha scritto su Twitter – Non può essere che i trasgressori sventolino bandiere terroristiche, incitino e incoraggino il terrorismo”.

Le cose, però, sono diverse da come le racconta il ministro. Un tempo Israele considerava la bandiera palestinese come quella di un gruppo militante vicino a Hamas o Hezbollah. Dopo la firma degli Accordi di Oslo del 1993, però, la bandiera rossa, verde e bianca è stata riconosciuta come quella dell’Autorità nazionale palestinese, creata per amministrare Gaza e parti della Cisgiordania occupata. Non un simbolo terroristico, quindi, ma istituzionale.