Acqua:


Il Parlamento europeo ha fatto propria la proposta dei movimenti per l’acqua

Clicca Qui per ricevere Rosso di Sera per e-mail


Ogni mese riceverai Rosso di Sera per posta elettronica, niente carta, niente inchiostro.... Se vuoi inviare le tue riflessioni, suggerimenti, o quanto ritieni utile, a Rifondazione di Santa Fiora,usa questo stesso indirizzo info@rifondazionesantafiora.it

Direzione Nazionale

FACEBOOK SI TOSCANA A SINISTRA

Il coro dei Minatori di Santa Fiora Sito ufficiale

Italia - Cuba

Museo delle Miniere


Santa Fiora: la Piazza e la Peschiera online

Rifondazione su Facebook

STOP TTIP


"Campagna Stop TTIP"

Tu sei qui

IRAN , IMPICCATO L'EX VICEMINISTRO ACCUSATO DI ESSERE UNA SPIA BRITANNICA

POLITICA ESTERA -  IRAN  

 

14/03/2023

Da RemoContro

 

Eseguita la condanna a morte del cittadino anglo-iraniano Alireza Akbari, ritenuto responsabile di spionaggio per conto del Regno Unito. Lo riferisce l’agenzia di stampa ‘Mizan’ legata alla magistratura iraniana. Akbari è stato impiccato. Alireza Akbari è stato viceministro della Difesa in Iran durante la presidenza di Mohammad Khatami, riformista in carica per due mandati tra il 1997 e il 2005.

Partita di potere anche a colpi di condanna a morte

Akbari è stato uno stretto collaboratore di Ali Shamkhani, ministro della Difesa nell’amministrazione Khatami. Alcuni osservatori hanno suggerito che le accuse contro Akbari potrebbero essere motivate politicamente da rivali di Shamkhani all’interno del regime. Questa settimana il regime iraniano aveva pubblicato un video che mostrava una confessione da parte di Akbari. Poco dopo, però, BBC Persian aveva diffuso un messaggio audio in cui Akbari diceva di essere stato torturato ed essere stato costretto a confessare crimini che non aveva commesso.

Iraniano londinese

Akbari era stato viceministro della Difesa in Iran tra il 2000 e il 2008. Si era poi trasferito a vivere nel Regno Unito. Nel messaggio audio pubblicato da BBC, Akbari spiega che nel 2019 era tornato in Iran su invito di un diplomatico di alto livello, coinvolto nelle trattative internazionali sul nucleare. Una volta arrivato in Iran, però, era stato accusato di spionaggio e arrestato.

Doppia nazionalità, e diventi spia

Il suo non è un caso isolato: negli ultimi anni in Iran sono state arrestate decine di persone con doppia cittadinanza o con un permesso di residenza permanente all’estero, nella maggior parte dei casi con l’accusa di spionaggio o reati contro la sicurezza nazionale. Secondo il suo resoconto, Akbari sarebbe stato «interrogato e torturato per più di 3.500 ore». Nel messaggio Akbari ha acccusato l’Iran di volersi «vendicare del Regno Unito uccidendo me».

Londra ‘sconvolta’

Il primo ministro britannico Rishi Sunak si è detto ‘sconvolto’ per l’esecuzione. «È stato un atto insensibile e codardo, compiuto da un regime barbaro senza rispetto per i diritti umani del proprio popolo», ha dichiarato Sunak. «I miei pensieri sono con gli amici e la famiglia di Alireza», ha aggiunto il primo ministro secondo quanto riporta la stampa britannica. L’esecuzione ha provocato anche la reazione del ministro degli Esteri, James Cleverly. «L’Iran ha giustiziato un cittadino britannico. Questo atto barbaro merita la condanna più forte possibile», ha detto Cleverly che ha fatto convocare al Foreign Office l’incaricato d’affari iraniano a Londra.  

Replica dagli esteri iraniani

Il ministero degli Esteri dell’Iran ha convocato l’ambasciatore del Regno Unito a Teheran, Simon Shercliff, «per protestare contro l’ingerenza irragionevole di funzionari britannici negli affari relativi alla sicurezza nazionale dell’Iran». Lo riferisce il sito internet della diplomazia iraniana.