Acqua:


Il Parlamento europeo ha fatto propria la proposta dei movimenti per l’acqua

Clicca Qui per ricevere Rosso di Sera per e-mail


Ogni mese riceverai Rosso di Sera per posta elettronica, niente carta, niente inchiostro.... Se vuoi inviare le tue riflessioni, suggerimenti, o quanto ritieni utile, a Rifondazione di Santa Fiora,usa questo stesso indirizzo info@rifondazionesantafiora.it

Direzione Nazionale

FACEBOOK SI TOSCANA A SINISTRA

Il coro dei Minatori di Santa Fiora Sito ufficiale

Italia - Cuba

Museo delle Miniere


Santa Fiora: la Piazza e la Peschiera online

Rifondazione su Facebook

STOP TTIP


"Campagna Stop TTIP"

Tu sei qui

DIFESA POSTI DI LAVORO IN TOSCANA

LAVORO E DIRITTI      

 

24/01/2023

Prc Follonica

 

Difendere i posti di lavoro? SÌ.

 

L’iniziativa di SABATO 28 GENNAIO , DIFENDERE I POSTI DI LAVORO IN TOSCANA, nasce dalla presentazione del Collettivo di Fabbrica della “Società operaia di Mutuo Soccorso” e dalla raccolta fondi indetta.

 

Ci siamo trovati subito in linea con gli intenti delle lavoratrici e dei lavoratori e, parlando tra noi, in primo luogo abbiamo deciso di attivare una raccolta fondi all’interno del Partito.   Abbiamo  anche pensato ad un’iniziativa pubblica dove “ufficializzare” la raccolta fondi  tramite  la  Cassa di Mutuo Sossorso

IBAN  IT 24 C 05018 02800 000017089491  Causale : Mutuo Soccorso

Il collegamento con le problematiche di alcune delle aziende del nostro territorio è venuto spontaneo, seguendo il filo logico della difesa del posto di lavoro, ovviamente nel rispetto dell’ambiente. Dobbiamo infatti respingere al mittente la logica del ricatto ambiente-lavoro messa in atto per troppo tempo da chi, alla fine, non interessa il rispetto né dell’una né dell’altra cosa.

 

E quindi ci siamo messi in contatto con i lavoratori di Agroittica Toscana di Piombino, direttamente coinvolti dalla sciagurata operazione del rigassificatore nel porto di Piombino, con il rischio della perdita di decine e decine di posti di lavoro. Così come abbiamo contattato i lavoratori della JSW, ex acciaierie di Piombino, da anni in cassa integrazione e senza, al momento, prospettive future certe sul rientro in azienda. Anche in quest’ultimo caso i lavoratori pagano le assurde scelte dei governi succedutesi, a partire dal governo Renzi che nel 2014 decise prima di mettere in standby l’Altoforno (24 aprile 2014) e poi di spengerlo definitivamente (4 novembre 2014).

 

Infine abbiamo preso contatti con le RSU Venator Scarlino. In questo caso i lavoratori e le lavoratrici sono in balia delle scelte della Regione Toscana, che chiamiamo ad assumersi le proprie responsabilità.

 

L’iniziativa si terrà sabato 28 gennaio alle 10.30 nella sala consiliare del Comune di Follonica e vedrà la partecipazione, oltre che dei lavoratori Agroittica-ex GKN-Venator-JSW, della consigliera comunale di Firenze Antonella Bundu, del consigliere comunale di Follonica a Sinistra / Rifondazione Comunista Enrico Calossi, del segretario di Rifondazione Comunista di Follonica Gianluca Quaglierini e del Sindaco di Follonica Andrea Benini.

 

Sarà possibile seguire l’iniziativa anche in diretta facebook sulla pagina “Follonica a Sinistra”.
L’evento FB, dove sono disponibili ulteriori info, è https://fb.me/e/3710cInUE