Attività del Partito della Rifondazione Comunista Circolo "Raniero Amarugi" di Santa Fiora


Acqua:


Il Parlamento europeo ha fatto propria la proposta dei movimenti per l’acqua

Clicca Qui per ricevere Rosso di Sera per e-mail


Ogni mese riceverai Rosso di Sera per posta elettronica, niente carta, niente inchiostro.... Se vuoi inviare le tue riflessioni, suggerimenti, o quanto ritieni utile, a Rifondazione di Santa Fiora,usa questo stesso indirizzo info@rifondazionesantafiora.it

Comune di Santa Fiora

Controlacrisi

Direzione Nazionale

FACEBOOK SI TOSCANA A SINISTRA

Il coro dei Minatori di Santa Fiora Sito ufficiale

Italia - Cuba

Museo delle Miniere


Santa Fiora: la Piazza e la Peschiera online

Rassegna Stampa

Rifondazione su Facebook

STOP TTIP


"Campagna Stop TTIP"

Il Manifesto

In evidenza

24/11/2021

da il Manifesto

Massimo Villone

 

Eutanasia. Non c’è dubbio che una persona in piena salute possa decidere di porre fine alla propria vita. Potrà violare un precetto religioso, ma non incontra ostacoli di ordine giuridico

 

Con la sentenza 242 del 2019 la Corte costituzionale si pronunciò sul suicidio assistito, dopo aver inutilmente atteso che il parlamento si occupasse in un modo o nell’altro della questione.

 

Fu una pronuncia cauta per un verso, e per l’altro dirompente. Cauta perché si fermò a una illegittimità costituzionale parziale, per di più assoggettata a condizioni stringenti, dell’art. 580 del codice penale per la parte in cui «non esclude la punibilità» di chi agevola l’esecuzione del proposito di suicidio. Dirompente, perché con una pronuncia additiva costruì un percorso che ora nemmeno il legislatore, volendo, potrebbe sbarrare.

 

NON PUÒ ESSERE PUNIBILE l’assistenza al suicida nel caso di persona «tenuta in vita da trattamenti di sostegno vitale e affetta da una patologia irreversibile, fonte di sofferenze fisiche o psicologiche che ella reputa intollerabili, ma pienamente capace di prendere decisioni libere e consapevoli». Inoltre, è necessario che «le condizioni e le modalità di esecuzione siano state verificate da una struttura pubblica del servizio sanitario nazionale, previo parere del comitato etico territorialmente competente».

 

Nel caso di specie, per la Corte la decisione ultima sul se e come si muore non spetta alla persona interessata, ma alla struttura pubblica e al comitato etico (con accentuazioni diverse in ragione del diverso ruolo). È comunque su questa base che ad Ancona fa un passo avanti, dopo mesi di battaglia anche nella sede giudiziaria, una richiesta di accedere al suicidio assistito. Il parere del comitato etico ha aperto la via. Ma la vicenda non sembra conclusa, se – come leggiamo – si discute ancora sulle modalità da seguire per la somministrazione del farmaco che porrà eventualmente fine alla vita del malato.

 

Emerge una aporia. Non c’è dubbio che una persona in piena salute fisica e mentale possa decidere di porre fine alla propria vita in uno di mille modi diversi, tra cui l’assunzione di farmaci che producano il risultato voluto. Potrà violare un precetto religioso, ma non incontra ostacoli di ordine giuridico. Nemmeno è dubbio che una persona, tenuta in vita con mezzi artificiali ma capace di intendere e di volere e di esprimere la propria volontà, possa decidere di suicidarsi semplicemente rifiutando il trattamento sanitario salvavita. Trova in questo il supporto dell’art. 32 della Costituzione.

 

Quindi, un diritto di morire sembra indubbiamente riconosciuto. Nessuno può obbligarmi a vivere, se decido di voler morire. Ma è un diritto da esercitare in solitudine. Si richiede cautela, se qualcun altro mi porge il flacone che contiene le pillole al fine necessarie. Questo può accadere senza conseguenze di ordine penale per chi mi assiste nei soli casi previsti dalla Corte e sulla base di un accertamento della struttura pubblica e del parere del comitato etico territorialmente competente. Che potrebbero anche ritenere che la mia decisione non risponde ai canoni restrittivi disegnati dal giudice. Se venisse un diniego, potrei certo ribadire la mia decisione. Praticandola però in solitudine, se in grado di farlo.

 

ALLORA, PER UNA PERSONA in perfetta salute la decisione di morire è più agevole che per una persona in condizioni disperate. È un paradosso? Certamente sì, per un verso. Ma va compreso che le cautele costruite intorno a casi estremi come quelli del DJ Fabo, o quello cui assistiamo ad Ancona, vogliono anche garantire che intorno al suicidio non si crei un’area melmosa in cui potrebbero giocare interessi non trasparenti. Questo però suggerisce ai soggetti pubblici coinvolti che le garanzie predisposte dalla Corte debbano essere intese nel senso non già di ostacolare o impedire la volontà di porre fine alla propria vita, ma di verificare che tale volontà sia liberamente formata, e che sia portata al fine voluto nel modo migliore per la persona interessata.

 

Nella sentenza 242 la Corte avrebbe potuto orientarsi per una decisione più radicale, con una mera dichiarazione di illegittimità della fattispecie di cui all’art. 580 del codice penale. Disegnando un percorso complesso, ha supplito a una intollerabile inerzia del parlamento, che dovrebbe essere un tempio non solo della democrazia – come dice Mattarella – ma anche e soprattutto dei diritti. E che invece con il suo silenzio ci ha portato ad avere sì il diritto di morire, ma da soli.

23/11/2021

da Left

Gulio Cavalli

 

Dopo l'assalto squadrista alla sede della Cgil quasi tutte le forze politiche si dissero d'accordo nel chiudere i partiti di matrice fascista. Ma non è accaduto. Il presidente dell'Anpi Pagliarulo l'ha detto chiaro e tondo: «Non è successo assolutamente nulla, solo parole. È giunto il momento di assumere una decisione urgente»

 

Il 9 ottobre scorso dei fascisti travestiti da no green pass assaltavano la sede della Cgil e infiammavano le piazze per creare il disordine di cui hanno bisogno per racimolare rabbia e convertirla in voti. Quello stesso giorno un rappresentante di spicco di Forza Nuova (in cui non è propriamente difficile spiccare visto che sono quattro topi) Giuliano Castellino addirittura arringava la piazza discettando di libertà e di dittature mentre avrebbe dovuto essere in casa come aveva deciso un tribunale. Su quella giornata ci fu un acceso scontro politico ma quasi tutti (incredibile a dirsi) si dissero d’accordo nel chiudere i partiti di matrice fascista (alcuni a destra preferirono chiamarli “violenti” per non autodenunciarsi). Era facile immaginare che un governo che in poche ore è riuscito a discutere e approvare un gravoso impegno come il Pnrr in men che non si dica sarebbe riuscito a sciogliere le formazioni fasciste come lo stesso Parlamento chiedeva.

 

È accaduto? No. Il presidente dell’Anpi Gianfranco Pagliarulo, con altri membri del Forum delle associazioni antifasciste e della Resistenza, in una conferenza stampa l’ha detto chiaro e tondo: «Da quando sono state approvate le mozioni alla Camera e al Senato per lo scioglimento di Forza Nuova, non è successo assolutamente nulla, solo parole. È giunto il momento di assumere una decisione urgente. La democrazia si difende applicando la legge, in questo caso la legge Scelba».

 

In realtà il governo Draghi ha preso la sua solita decisione di non decidere e di fingere qualcosa per prendere tempo. Anche in questo caso ha scelto di nominare un fumoso comitato di esperti (ma come? ma mica tutti si lamentavano degli esperti del governo precedente?) che dovrebbe valutare il da farsi. È curioso che Draghi abbia bisogno di presunti esperti per dare seguito a un atto parlamentare. Monica Cirinnà infatti dice: «Il gruppo di esperti? Dal governo non poteva venire scelta peggiore, è una perdita di tempo, serve solo il decreto. C’è un atto parlamentare, il governo risponda al Parlamento e faccia questo decreto. Se questo è il governo dei migliori ha fatto la scelta peggiore, il gruppo di esperti non serva a niente».

 

Proprio in questo momento in cui gli episodi di violenza nelle piazza durante le manifestazioni no green pass stanno monopolizzando il dibattito è singolare che non ci si muova a rimuovere sacche conosciute di violenza. Eppure sarebbe una decisione che accontenterebbe tutti, da quelli che condannano i violenti senza volerli chiamare fascisti, agli antifascisti che chiedono il rispetto della Costituzione e perfino ai no green pass che certo non saranno felici di vedere le proprie legittime motivazioni strumentalizzate per fini politici.

 

E quindi perché non si scioglie Forza Nuova?

21/11/2021

 

Rifondaziobne Comunista 

Invita tutti quelli che conosci a firmare la proposta legislativa ufficiale alla Commissione Europea: www.noprofitonpandemic.eu


Non condividere un brevetto comporta che gli impianti di produzione che possono produrre vaccini Covid-19 non sono autorizzati a farlo.

 

Produrre vaccini mRNA in una fabbrica esistente in un solo paese africano potrebbe creare una capacità di produzione annuale fino a 100 milioni di dosi di vaccino entro 10 mesi.


I vaccini mRNA sono più economici, più veloci e più semplici da produrre rispetto ai vaccini tradizionali. Le strutture esistenti possono essere (e sono state) facilmente riconvertite per produrre vaccini mRNA.
I paesi che attualmente dipendono dalle importazioni e dalle donazioni di vaccini hanno un accesso limitato e ritardato. Permettere la produzione di vaccini in questi paesi moltiplicherà il loro accesso ai vaccini.

 

E’ possibile: cosa stiamo aspettando

 

18/11/2021

 

Maurizio Acerbo, segretario nazionale del Partito della Rifondazione Comunista – Sinistra Europea

 

Il Partito Democratico ha sostenuto un referendum che tagliava il numero dei parlamentari promettendo che avrebbe in seguito riequilibrato con l’introduzione di una legge proporzionale.
Ora Letta, e la direzione Pd, si mettono d’accordo con Giorgia Meloni per mantenere una legge vergognosa come quella in vigore.


Il Pd tradisce elettrici e elettori e continua con una linea di picconamento della democrazia costituzionale che lo ha contraddistinto con e senza Renzi.
Emerge l’ipocrisia di chi prospera sulla paura della destra ma poi mantiene in campo una legge che consentirebbe a Salvini e Meloni di stravincere.


È evidente che il Pd è il miglior alleato della destra. Chi ha partecipato alla battaglia per il No nel referendum renziano non può che opporsi al melonlettismo.

 

18/11/2021

da il Manifesto

Filippo Miraglia

 

Crisi migratoria . Da condannare sia l’uso strumentale dei migranti da parte bielorussa, sia il violento il respingimento polacco vietato dalle leggi internazionali e dalle Direttive europee

 

Al confine tra Bielorussia e Polonia si confrontano due comportamenti illegali. Da un lato un dittatore che usa migliaia di persone per ottenere un obiettivo favorevole al suo regime: l’azzeramento delle sanzioni; dall’altro il governo polacco, sostenuto dall’Unione europea, che cancella il diritto d’asilo e i diritti umani, in nome della difesa della frontiera.L’attacco all’Europa arriva niente di meno che da poche migliaia di profughi, non armati né pericolosi, ma bisognosi di protezione.

 

Uomini, donne, bambini e bambine, provenienti in gran parte da quell’Afghanistan, la cui sorte disastrosa ci ha tanto commossi ad agosto, e dalla Siria, dove una tregua nella guerra non c’è mai stata e non sono finite le persecuzioni e le violenze.

 

I GOVERNI EUROPEI, anche quelli che si professano a parole contrari al sovranismo e ai muri, si indignano per il cinismo di Lukashenko, ma sorvolano sulle violenze dei militari polacchi e, anzi, intervengono a sostegno del governo di Varsavia, come se i getti d’acqua fredda o le manganellate europee le prendesse il dittatore bielorusso e non persone inermi alle quali l’Unione europea dovrebbe garantire, per legge, il diritto d’asilo. Tra l’uso strumentale dei profughi, sottoposti a violenze dalla polizia bielorussa, e il respingimento vietato dalle leggi internazionali e dalle Direttive europee, attuato con violenza dall’esercito polacco, non è possibile fare una graduatoria e bisognerebbe condannare entrambi senza se e senza ma.

 

L’Unione europea si trova sotto ricatto, come è già successo peraltro nel recente passato con Erdogan, e rischia di restare schiacciata dalle sue stesse contraddizioni, perché ha scelto l’ideologia dei muri e non i principi del diritto internazionale ed europeo.

 

IL PATTO EUROPEO immigrazione e asilo, una vergognosa resa alla xenofobia della destra europea, è costruito intorno all’idea che bisogna impedire di arrivare in Europa, finanziando sistemi di controllo e strumenti per respingere le persone. Se Lukashenko accettasse l’aiuto europeo, come ha fatto la Turchia, per bloccare i richiedenti asilo lontano dalla frontiera europea, i governi sarebbero disponibili a dimenticare non solo la sorte dei profughi, ma anche quella dei diritti umani e della democrazia in quel Paese.

 

È bene ricordare che le poche migliaia di persone che oggi sono bloccate alla frontiera bielorussa sono disposte a rischiare la vita per arrivare in Europa e mettersi in salvo, per l’assenza di altre vie di fuga dalla violenza e dalla morte: la loro è una scelta obbligata, determinata dalla ideologia proibizionista degli Stati dell’UE che impediscono a chi vorrebbe cercare protezione di farlo viaggiando in sicurezza e legalità.

 

Il protocollo per i corridoi umanitari per gli afghani e le afghane, che come Arci abbiamo firmato il 4 novembre scorso, insieme a Comunità di S.Egidio, CEI/Caritas Italiana e FCEI, con il nostro governo, è una goccia nel mare della disperazione che oggi ci vede inermi di fronte a chi rischia ogni giorno la vita in quel Paese per mano dei talebani o dell’ISIS, con un progressivo disinteresse della comunità internazionale.

 

CI SIAMO IMPEGNATI a nostre spese, con il contributo determinante dei circoli rifugio Arci, ad accogliere un primo nucleo di persone, in particolare donne, che oggi vivono nascoste in case protette e rischiano ogni giorno che passa di diventare vittime dell’oscurantismo violento che ha preso il potere in Afghanistan.

 

Non vorremmo farlo, anche se pensiamo che sia giusto fare qualsiasi cosa per salvare degli esseri umani abbandonati dalla comunità internazionale, e vorremmo che queste persone fossero tratte in salvo dai governi e che l’Unione europea mettesse in campo una straordinaria operazione di evacuazione di tutti coloro che rischiano la vita. Ma a mobilitarsi in questi mesi, dopo la crisi di agosto, è stata soprattutto la società civile, le organizzazioni sociali e le reti associative, senza le quali non sarebbe possibile costruire una via di fuga.

 

La responsabilità che i governi non mostrano di volersi assumere deve spingere chi come noi opera nella società a scelte straordinarie, che rappresentino da un lato un esempio, come i corridoi umanitari, mostrando che si può fare, e dall’altro obblighino i decisori politici a confrontarsi con quella parte di società che non intende arrendersi alla violenza dei muri e alla violazione dei diritti umani in Paesi dell’Unione europea.

 

MA NON VOGLIAMO fermarci a questo. La cultura dei diritti nella quale crediamo, va difesa anche con azioni dirette. Nelle prossime settimane l’Europa dei diritti e dell’accoglienza, le associazioni, le reti e i movimenti, si mobiliteranno per prendere la parola e fare arrivare un messaggio da un lato ai governi e dall’altro ai profughi: noi non ci stiamo, non ci arrendiamo alla violazione dei diritti umani e non ci fermeremo finché non verrà ripristinata la legalità anche alle frontiere.

17/11/2021

da il Manifesto

Carlo Lania

 

Cortina di ferro. Polizia ed esercito polacchi respingono con la forza alcune centinaia di uomini che cercano di passare la frontiera. E l’Ue non dice niente

 

Sembra uno dei quei giochi in cui bisogna individuare le differenze tra due situazioni che sembrano uguali. Solo che la domanda questa volta è: chi, tra Bielorussia e Polonia, usa le maniere più forti contro migranti affamati e infreddoliti per essere stati ammassati al confine tra i due Paesi? Persone alle quali due eserciti contrapposti impediscono sia di andare avanti riuscendo così a entrare in Europa – e la Ue assiste senza dire niente – ma anche di tornare indietro, verso Minsk, fermate dalle forze speciali bielorusse che le usano per fare pressione nei confronti di Bruxelles.

 

A giudicare dalle notizie e dalle immagini arrivate ieri da quella frontiera, è davvero difficile trovare qualche differenza. Stremati, sicuramente stufi di essere usati come merce di scambio, alcune centinaia di migranti hanno preso d’assalto il confine al valico di Kuznica-Bruzgi cercando di superare le recinzioni di metallo e filo spinato e tirando contro la polizia e i soldati polacchi pietre, bottiglie, bastoni e qualunque cosa gli capitasse tra le mani. Secondo Varsavia tra gli assalitori, quasi tutti uomini e giovani, ci sarebbero stati anche degli infiltrati bielorussi messi lì da Minsk per alzare a tensione e organizzare l’attacco. Comunque sia la risposta non si è fatta attendere. Dal lato polacco sono entrati in azione i cannoni ad acqua ma polizia ed esercito hanno sparato anche lacrimogeni e – stando ad alcune fonti – granate assordanti riuscendo così a disperdere chi protestava. Nella sassaiola un agente di polizia polacco è rimasto ferito alla testa. Ma nel caso in futuro dovessero ripresentarsi situazioni analoghe la risposta potrebbe essere anche più pesante, come anticipato ieri da una portavoce della polizia di frontiera polacca: «Non vogliamo usare le armi, ma se necessario lo faremo», ha avvertito.

 

Sul fronte opposto, quello bielorusso, le cose non vanno in modo diverso. Un profugo che ha preferito rimanere anonimo ha rivelato ieri che le forze speciali d Minsk hanno picchiato e trasportato al confine con la Lituania un gruppo di migranti che tentava di tornare nella capitale. Tra loro anche alcune famiglie con bambini, che non sono state risparmiate dalla violenza dei soldati. Una volta al confine, tutti sono stati costretti a entrare nelle acque gelate del fiume Neman per avvicinarsi alla recinzione che separa i due Paesi. «La cosa essenziale oggi è difendere il nostro Paese, il nostro popolo ed evitare gli scontri», ha detto il presidente bielorusso Alexandr Lukashenko.

 

Ieri sera una parte dei migranti sarebbe stata trasferita in un centro di accoglienza situato al valico di Brudgi, Se la notizia verrà confermata sarebbe la prima volta che verrebbero messi a loro disposizione un letto e delle coperte. Ma sono mesi che la Bielorussia non si fa scrupolo di usare uomini, donne e bambini contro l’Unione europea come ritorsione per le prime sanzioni adottate contro il regime. In alcuni video visibili in rete si sentono i soldati di Minsk impartire comandi secchi ai migranti incolonnati, imponendo loro di fermarsi o di ripartire a comando. Le nuove sanzioni adottate lunedì nel vertice dei ministri degli Esteri saranno in vigore dai prossimi giorni e colpiranno tra gli altri direttamente Lukashenko, mentre per dicembre dovrebbero arrivare anche le restrizioni annunciate dagli Stati uniti. Al momento, però, non sembra che la nuova stretta dell’Ue abbia provocato qualche effetto su dittatore bielorusso, che si fa forte della protezione della Russia.

 

Anche per questo il lavoro diplomatico si svolge soprattutto facendo riferimento a Mosca. Parlando due giorni fa al telefono con la cancelliera tedesca Angela Merkel, Lukashenko avrebbe indicato una serie di opzioni per uscire dalla crisi alla frontiera con la Polonia, ma è chiaro che qualunque soluzione passa anche il via libera dato da Putin. Ed è a lui infatti che anche ieri si è rivolto il presidente francese Emmanuel Macron chiedendogli di usare la sua influenza sul dittatore bielorusso.
Intanto ieri si è tenuto il vertice dei ministri della Difesa Ue al quale ha partecipato anche il segretari generale della Nato Jens Stoltenberg. E i Paesi dell’Alleanza hanno ribadito alla Polonia di essere pronti a offrire assistenza in caso di necessità.

16/11/2021

da il Manifesto

Anna Maria Merlo

 

Terra terra. L’obiettivo di mantenere il riscaldamento globale sotto 1,5 gradi è un passo positivo del «patto» ma rischia di restare carta straccia

 

La Terra riscaldata dall’azione umana potrebbe riprendere la frase attribuita alla contessa du Barry, sul patibolo prima di essere ghigliottinata nel 1793: «Ancora un momento, vi prego, signor boia». I 196 paesi (più la Ue) presenti alla Cop26 si sono concessi, per il momento, un anno di tempo per rispondere davvero alla sfida climatica: le vere decisioni dovranno essere prese a Sharm el-Sheikh, in Egitto, nel novembre 2022, alla Cop27.

La Cop26 piange brinda solo la potente lobby del carbone


 

INTANTO, STANDO AL TESTO del Patto Climatico di Glasgow, l’obiettivo di mantenere il riscaldamento entro 1,5 gradi per fine secolo «è stato mantenuto in vita» ha detto il presidente Alok Sharma, «ma il polso è debole e sopravviverà solo se gli impegni saranno rapidamente tradotti in atti». Anche il primo ministro britannico, Boris Johnson, ha ammesso «delusione» per il cambiamento del testo di accordo all’ultimo minuto sotto pressione di India e Cina, ma considera che i passi avanti possano «cambiare» la situazione.

 

«QUANDO GUARDIAMO i nuovi impegni, francamente, è la montagna che ha partorito il topolino», secondo Inger Andersen, direttrice del Pnue (programma Onu per l’Energia): se si calcolano le promesse fatte nei più di 150 piani nazionali (Nationnaly Determined Contributions, Ndc) sui 196 stati presenti, il probabile riscaldamento a fine secolo sarà di +2,7 gradi. E’ un piccolo passo avanti – precedentemente il Nue aveva calcolato +3,2 gradi – ma sempre lontano dall’impegno di +1,5 gradi. I Ndc presentati porteranno a un aumento delle emissioni di Co2 del 14% nel 2030 (sul 2010), mentre per rispettare 1,5 gradi sarebbe necessaria una diminuzione del 45%.

 

LA DIFFICOLTÀ DIPENDE dal fatto che una serie di paesi, gradi produttori di carbone e energie fossili, hanno presentato piani che non contengono i necessari miglioramenti. L’azione dei 503 lobbisti del carbone presenti a Glasgow è stata efficace. Il giorno dopo le conclusioni di Glasgow, Climate Action Tracker sostiene che il riscaldamento sarà di 2,4 gradi, stando ai Ndc presentati per il 2030, gli «impegni sono totalmente insufficienti», «la realizzazione sul terreno avanza a passo di tartaruga».

 

TRA I PRINCIPALI PASSI avanti c’è la menzione del «carbone» e delle «energie fossili», il riferimento alla necessità di mettere fine alle sovvenzioni per queste energie responsabili del 90% delle emissioni di Co2, assenti dall’Accordo di Parigi. Inoltre, sono state completate le regole per l’applicazione dell’Accordo di Parigi, concluso 6 anni fa (in particolare sull’articolo 6 sul funzionamento del mercato del carbone). Resta il problema che molte promesse riguardano un orizzonte lontano, la neutralità carbone è auspicata per «metà secolo» (significa tra il 2040 e il 2070, a seconda dei paesi) e «molte promesse rimandano gli sforzi a dopo il 2030» afferma Inger Andersen. In più, manca la trasparenza: non ci sono controlli sul ritmo di realizzazione dei piani, né sanzioni per chi non li rispetta. Molti Ndc, poi, mancano di precisione.

 

L’ALTRO GRANDE PUNTO nero del risultato è lo scontro Nord-Sud. I paesi ricchi, primi responsabili del riscaldamento climatico, non hanno ceduto alla domanda di compensazioni per «perdite e danni» subiti dai poveri, che sono le prime vittime degli effetti del cambiamento climatico (temono ripercussioni giuridiche). Lo ha ammesso Boris Johnson: «quelli per cui il cambiamento climatico è già questione di vita o di morte, che vedono le loro isole sommerse, le terre arabili diventare deserte, le case travolte dalle tempeste, chiedevano un’alta ambizione. Molti volevano prendere questa strada, ma non tutti. E’ triste, ma è la natura della diplomazia». C’è la promessa di raddoppiare gli aiuti, i famosi 100 miliardi l’anno promessi nel 2009 ma mai mantenuti, quando in realtà ci vorrebbero molti più soldi.

 

OGGI, IL 75% DEI FONDI devoluti ai paesi poveri per far fronte alla transizione e all’adattamento lo sono sotto forma di prestiti e non di sovvenzioni, cioè si traducono per un aumento del debito (e solo il 20% di questi fondi sono destinati all’adattamento). I paesi insulari hanno espresso profonda delusione, ma alla fine hanno sottoscritto il testo, anche se ridimensionato all’ultimo minuto, con l’abbandono dell’ «eliminazione progressiva del carbone» per sostituirlo con una più blanda «diminuzione».

 

LA COP26 HA DIMOSTRATO che anche il metodo di negoziato non funziona. Per un accordo, ci vuole l’unanimità, difficile se non impossibile da raggiungere. Ci sono invece stati risultati parziali, a livello di gruppi di volontari: un accordo Usa-Cina, che ha grande importanza simbolica, cento paesi per lo stop alla deforestazione entro il 2030, un altro centinaio per ridurre il metano del 30% entro quella data, 40 paesi impegnati a uscire dal carbone (ma non ci sono Usa e Cina) e un altro a non finanziare investimenti nei combustibili fossili all’estero; c’è l’alleanza Boga (Beyond oil and gas) che fa balenare l’uscita dai carburanti fossili. 450 istituzioni finanziarie, che gestiscono centinaia di miliardi di capitale, hanno promesso di investire in energie pulite.

14.11.2021

da il Manifesto

Giuseppe Onufrio*

 

Emergenza clima . Deludente la presenza dell’Unione Europea segnata da ipocrisia e vero e proprio greenwashing. Via libera per autorizzare in modo accelerato infrastrutture del gas fossile, inserite nella proposta di Tassonomia (per definire cosa è “sostenibile”) assieme al nucleare

 

La Conferenza di Glasgow si chiude con un testo che, partito debole in partenza, è stato ulteriormente indebolito al filo di lana sul tema dell’eliminazione del carbone, su richiesta dell’India.

 

La distanza tra l’urgenza delle azioni necessarie e la lentezza negoziale non è certamente una novità, ma questa volta è scritta nero su bianco.

 

Infatti, guardando tra i pochi aspetti positivi del documento, sopravvive il riferimento allo scenario del contenimento entro il 1,5°C e la conseguente necessità di tagliare del 45 per cento le emissioni di gas serra entro il decennio.

 

Ma il gap tra l’attuale tendenza (di almeno +2,4°C) e gli impegni per realizzare l’obiettivo non ci sono. Si rimanda al 2022 la presentazione dei nuovi obiettivi volontari, in ritardo dunque rispetto alla tabella di marcia fissata a Parigi nel 2015.

 

La COP26, lo ricordiamo, si doveva tenere l’anno scorso e fu rimandata causa pandemia. La sua importanza stava proprio nel fatto che, passati 5 anni dall’Accordo di Parigi, era prevista la presentazione di impegni più ambiziosi come richiesto dal meccanismo negoziale. Sin dal 2015 era evidente che l’andamento delle emissioni e degli impegni già assunti portavano verso un aumento molto maggiore della temperatura media globale, ben oltre i 2°C e dunque fuori dall’obiettivo di rimanere “ben al di sotto” di quella soglia e possibilmente verso 1,5°C.

 

La nota più dolente riguarda il carbone. L’emendamento proposto dall’India, e poi approvato pur di chiudere il negoziato, di sostituire la progressiva eliminazione (phase-out) del carbone con la sua riduzione (phase-down) è il segno del fallimento di questa COP26. Ma anche con questo annacquamento, il carbone rimane la prima fonte energetica da eliminare nella lista ed è interesse di tutti i Paesi farlo e quelli ricchi dovrebbero aiutare a finanziare questa transizione.

 

In tema di sussidi è stato incluso un riferimento alla “giusta transizione” – altro punto positivo – per rispondere al tema sia della riconversione dei lavoratori del settore fossile che degli aiuti per non far gravare sulle fasce più deboli i costi della transizione.

 

Sulla questione degli “offset forestali” – cioè i permessi di emissione associati alle compensazioni forestali, il testo è molto ambiguo e pieno di scappatoie ed è stato annunciato dal segretario generale dell’ONU che verrà sottoposto a revisione.

 

Molto c’è ancora da fare per evitare che il commercio di questi certificati vanifichi ogni serio sforzo di ridurre le emissioni.

 

Sugli impegni finanziari dei Paesi più sviluppati mirati a compensare i danni climatici ai Paesi meno sviluppati, le cifre necessarie sono ancora lontane da quello che servirebbe e anche questo è un aspetto che dovrebbe essere tra le priorità della Conferenza dell’anno prossimo in Egitto.

 

Di politicamente positivo c’è stata l’inattesa presentazione di un documento congiunto Cina-USA che, pur non contenendo impegni minimamente adeguati alla sfida, si spera possa tradursi in una collaborazione fattiva di cui ci sarebbe bisogno.

 

Del tutto deludente, invece, la presenza dell’Unione Europea segnata da ipocrisia e vero e proprio greenwashing. Nelle ultime due settimane, infatti, le proposte della Commissione hanno dato il via libera per autorizzare in modo accelerato le infrastrutture del gas fossile che hanno inserito nella proposta di Tassonomia (per definire cosa è “sostenibile”) assieme al nucleare e, in questi giorni, i funzionari stanno lavorando per indebolire la proposta di normativa che metta al bando l’importazione di prodotti provenienti da deforestazione. Il “Green New Deal” europeo – in attesa del nuovo governo tedesco? – ne esce davvero ridimensionato.

 

L’Italia ha inaspettatamente aderito alla coalizione BOGA (Beyond Oil and Gas Alliance). Si tratta di un piccolo gruppo di Paesi che si pone l’obiettivo eliminare anche petrolio e gas. Abbiamo però aderito senza impegni precisi al grado minimo di coinvolgimento, come “amici”.

 

Vediamo se come “amici” di quelli che vogliono eliminare anche petrolio e gas il governo sarà capace di far ripartire le rinnovabili (e non le trivelle), come ha promesso, sbloccando i processi autorizzativi come anche in questi giorni va annunciando. Sarebbe ora.

 

* Direttore di Greenpeace Italia

12/11/2021

 

Maurizio Acerbo, segretario nazionale e Fabio Panero, segretario regionale del Partito della Rifondazione Comunista – Sinistra Europea

 

Il presidente leghista del Consiglio Regionale del Piemonte, su richiesta di un assessore di Fratelli d’Italia, ha ritirato il patrocinio a un incontro su” fascismo, guerra e foibe” con lo storico Eric Gobetti che si terrà stasera alla Casa della Resistenza di Verbania.

 

Siamo all’apoteosi del rovescismo storico. Gli eredi dei fascisti pretendono di decidere chi sia legittimato a parlare di storia e ovviamente non lo sarebbe uno storico antifascista. Non è un caso che i neofascisti di Casa Pound siano intervenuti con un manifesto e un comunicato contro Gobetti accusandolo di revisionismo storico. L’autore di “E allora le foibe” è particolarmente inviso a questa destra perchè mette in discussione la narrazione che, grazie all’istituzione bipartisan del Giorno del Ricordo, è riuscita a imporre sulle vicende del confine orientale. Gobetti ha la grave colpa di ricordare che a scatenare la violenza, la repressione e poi la guerra furono i fascismi italiano e tedesco.


Solidarietà allo storico da Rifondazione Comunista.

10/11/2021

da il Manifesto

Luca Martinelli

 

Assalto al cielo. Il mondo dopo l'accordo di Parigi

 

Così non va. L’Italia fa un altro passo indietro nella classifica dei Paesi in lotta contro la crisi climatica: ieri è stato presentato il «Climate Change Performance Index 2022», il rapporto annuale di Germanwatch, Can e NewClimate Institute sulla performance climatica dei principali paesi del pianeta – realizzato in collaborazione con Legambiente per l’Italia – e il nostro Paese ha fatto uno scivolone all’indietro di tre posizioni, finendo quest’anno al 30°posto in graduatoria. Questo «risultato» è stato raggiunto per il rallentamento dello sviluppo delle rinnovabili (34° posto della classifica specifica) e per una politica climatica nazionale ancora inadeguata a fronteggiare l’emergenza climatica. Il Piano Nazionale Integrato Energia e Clima (Pniec) consente infatti entro il 2030 un taglio delle emissioni di appena il 37% rispetto al 1990.

 

L’ITALIA È IN CATTIVA compagnia: nel rapporto, che prende in considerazione la performance climatica di 60 Paesi, più l’Unione Europea nel suo complesso, quelli che insieme rappresentano il 92% delle emissioni globali, la Cina, che è il maggiore responsabile delle emissioni globali, scivola di quattro posizioni al 37° posto. Nonostante il grande sviluppo delle rinnovabili, le sue emissioni continuano a crescere per il forte ricorso al carbone e la scarsa efficienza energetica del suo sistema produttivo. Ancora più indietro si piazzano gli Stati Uniti, secondo emettitore globale, che troviamo al 55° posto (anche se qui c’è stato un passo in avanti di sei pozioni rispetto allo scorso anno, grazie alla nuova politica climatica ed energetica avviata dall’Amministrazione Biden). Tra gli altri Paesi del G20, solo Regno Unito, India, Germania e Francia si posizionano nella parte alta della classifica.

 

ANCHE L’UE scivola di sei posizioni al 22° posto, soprattutto per Ungheria, Polonia, Repubblica Ceca e Slovenia, in fondo alla classifica. L’indice che misura la performance ha come parametri di riferimento gli obiettivi dell’Accordo di Parigi e gli impegni assunti al 2030. Il Ccpi si basa per il 40% sul trend delle emissioni e per il 60% in parti uguali su sviluppo delle rinnovabili, efficienza energetica e politica climatica. Anche quest’anno le prime tre posizioni della classifica non sono state attribuite: nessuno sta fronteggiando l’emergenza climatica per contenere il surriscaldamento del Pianeta entro la soglia critica di 1.5°C. In testa troviamo i Paesi scandinavi, che guidano la corsa verso zero emissioni: Danimarca, Svezia e Norvegia si posizionano dal quarto al sesto posto. In fondo alla classifica ci sono Arabia Saudita, Canada, Australia e Russia.

 

«IL PEGGIORAMENTO in classifica dell’Italia – dichiara Mauro Albrizio, responsabile ufficio europeo di Legambiente – ci conferma l’urgenza di una drastica inversione di rotta. Si deve aggiornare al più presto il Pniec per garantire una riduzione delle nostre emissioni climalteranti, di almeno il 65% entro il 2030».

 

COME A SOTTOLINEARE l’esigenza di questo «aggiornamento», ieri la Camera dei Deputati ha ospitato la conferenza stampa di presentazione della petizione «Il nucleare non sia incluso nelle rinnovabili!», promossa da Osservatorio per la Transizione Ecologica-Pnrr (Coordinamento per la Democrazia Costituzionale, LaudatoSì e NOstra!) e da FacciamoECO, componente politica del gruppo misto rappresentato dall’onorevole Rossella Muroni. Pubblicata sulla pattaforma Change.org, è indirizzata al ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani. Il messaggio è semplice: «Il nucleare e il gas non sono fonti energetiche rinnovabili e come tali vanno mantenute fuori dalla tassonomia verde europea», il riconoscimento green che garantirebbe importanti finanziamenti sia pubblici che privati al settore.

Pagine